Ringrazio l’altitudine

Ringrazio l’altitudine, che mi rende fiero
Ringrazio l’altitudine, che non mi fa prigioniero
Del loro pensiero
Di un progresso senza il cielo
Che voglia d’esser guerrigliero

Da qui io vedo meglio, faccio mia la situazione
Da qui non mi controllano e non perdo concentrazione
Qui divento padrone
Di ogni mia convinzione
Sulla rivoluzione

Come Salvatore, rintanato sopra il monte
Senza pace, senza amore, solo polvere da sparo
Per fuggire le manette
Per aver disobbedito
Sta sui monti e fa il bandito

Qui non vedo cartelloni con spot promozionali
Qui non regnano i rumori dei centri commerciali
l’orgoglio è sorridente
L’invidia non ha pace
Su me plana un rapace

Siamo schiavi, prigionieri, di invisibili catene
Stanca carne da ammalare, per gonfie tasche far scoppiare
Sfacciata ipocrisia
Malsana verità
Quassù è la libertà