Siro

Vorrei evitare di vedere ancora
Sangue nero di petroliera
Ed alla morte vorrei assistere
Di un cespuglio che non merita d’esistere
Siro hai fatto meglio tu
A startene tranquillo
Senza la tv
Siro il migliore sei tu ti sei risparmiato
Sangue amaro in gioventu
Credo che per i politici sia arrivata l’ora
Di smetterla di far come i bambini a scuola
Bisticciano si insultano abbaian come cani
Pensano alle proprie tasche e se ne fregan dei valori
Siro hai fatto meglio tu
a startene tranquillo nella terra di nessuno
siro lo so che sarai tu ad aiutarmi
se affondo nel fango da lassu
Spesso me lo chiedo e continuo a sperare
com’è che è così difficile amare
mi chiedo quanta vergogna provino allah e gesù cristo
nel loro nome uccidono per loro questo è giusto
siro hai fatto meglio tu a vivere in un posto
dove non ci son tabù siro tu hai qualcosa in più
qualcosa che non ha neanche la spada di re Artù
tu sei puro saggio niente a che veder con l’uomo
l’essere più orribile dell’intero cosmo
maltratta la natura maltratta gli animali
e tutto è peggiorato dall’avvento dei denari
Siro il migliore sei tu saluta i miei amici
Mandagli i miei baci
Siro tu hai qualcosa in più
Non conosci l’odio non conosci i bush
Ricordo un corridoio pieno di facce tristi
Non aver timore
Tu in me ancora esisti
Uno spettacolo l’hai perso però è questo momdo
Ma so che riesci a viverlo con gli occhi di questo stronzo
Siro chissà che fai lassu
Io mangio more e coloro la mia lingua di blu
Siro voglio parlarti a tu per tu
Magari ci vediamo non scordare il paspartout
Quando sto seduto sul mio caro divano
Le parole arrivano e non perdo tempo invano
Perdono tempo invece quelli che vogliono sempre andare avanti
Più faran così più vivremo meno istanti
Siro se fossi stato accanto a me Chissa quanta musica
Quante altre idee

Mimì Sterrantino:Voce,Chitarra acustica,Cori,Armonica
Flavio Gullotta:Contrabbasso
Francesco Frudà:Banjo chitarra
Andrea Nunzio:Cassa con spazzole
Gionata Colaprisca:Udu drum
Salverico Cutuli:Bassi di fisarmonica