Muncibeddu

Supra ddu tappitu di sangu cucenti
Jo cci vulissi caminari
Sutta ddi vampati ca diventunu roccia
Ma facissi vulinteri na doccia
Ma chi rialu ranni nni fici la natura
Quannu lu viu stu cori si ‘nnammura
Ranni muncibeddu si na cosa priziusa
E li cristiani t’anna dumannari scusa
Ppi tutta dda munnizza
Jttata ogni vadduni
E si sentunu d’aviri raggiuni
Ma menu mali ca cci sai pinsari a ttia
Ogni tantu a pulizzì tutta dda fitinzia
Cu lu tò chiantu ca a mmia mi fa pinsari
Ma fa trimari i mura di Adranu ad Acireali
Comu a tti nuddu sapi crisciri limuni
Tu si liggi ai sulu raggiuni
Si lu prutitturi di sta nostra strana razza
Di sta terra bona e maliditta
Ddi sdarrichi di focu chiamunu sti occhi
Pi mia si aprima stidda nta la notti
E ti tegnu cumpagnia o scuru ‘i sta piazzetta
E fumu assemi a ttia cu ‘n autra sigaretta
Di luntanu si bedda di taliari
Ma dda vicinu li genti fai scantari
Di sta rocca fai pinsari a duci cosi
Chiddi ca non pensunu
D’assupra a Nicolosi

Mimì Sterrantino:Voce,Chitarra acustica,Bouzouki,Mandolino
Flavio Gullotta:Contrabbasso
Franceco Frudà:Chitarra elettrica
Andrea Nunzio:Batteria
Enrico Grazzi Bertazzi:Cabasa