Il nostro cielo è il tetto dei rom

Zigano zigano apri le tue ali e vola
Zigano sei libero non te lo scordare mai
Da secoli girano la terra
Il nostro cielo è il tetto dei rom
Son liberi nessuno li afferra
Ilnostro cielo è il tetto dei rom
Sui balcani scavati dal vento fino ai deserti dell’ Afghanistan
Da li son passate carovane nel tempo tra monti e valli dal Rajhastan
Rit
Maniscalchi e cartomanti
Il nostro….
Giostrai musici e teatranti
Il nostro…..
Mestieri ormai senza un perché
Il nostro….
nelle terre abitate dai gagè
Il nostro….
Rit
Han stravolto gli ottoni ottomani
Il nostro…..
I kalè han dato al flamenco le mani
Il nostro…..
Han trasformato musiche in oro
Il nostro…
Django scioccava tutti con un assolo
Il nostro….
Rit
A discriminazioni razziali son stati soggetti e ancora lo son
condannati prima d’esser giudicati di malelingue son vittima i rom
non voglio dire che sian tutti dei santi ma se è per questo neanche noi lo siam
ci voule rispetto per tutti quanti per altre culture e modi di far
Rit
Chi li odia ha il nero ne l cuore
Il nostro….
E i loro bambini vuole schedare
Il nostro…..
Ecco di nuovo le forze del male
Il nostro….
Rimaste ancora alla seconda guerra mondiale
Il nostro….
Ilnostro…
Il nostro cielo è il tetto dei rom

Mimì Sterrantino:Voce,Chitarra acustica,Stufa con spazzole,Cori,Qraqeb
Flavio Gullotta:Contrabbasso
Sandro Curcuruto:Chitarra Manouche
Andrea Nunzio:Batteria
Daniele Tesauro:Fisarmonica(registrata a Palermo da Roberto Ferreri)
Luca Recupero:Marranzano
Enrico Grassi Bertazzi:Zarb