Quello che dovremmo amare

In Sicilia siamo ricchi
Ma non l’han tutti capito
Perché sono troppi quelli
Che non si guardano in giro
Signori non fraintendete
Io non parlo di denaro
Ma di quello che ci avvolge
e che noi non meritiamo
Spiegatemelo voi
Che proprio non capisco
Che gusto ci provate
A dar fuoco ad un bosco
A rompere i coglioni
Ai pesci in fondo al mare
Perché ci vuol progresso
Con un porto industriale
e l’uomo che non merita l’incanto
Che se dei soldi non sente il tanfo
È disposto ad incendiare
Deturpare ed inquinare
Quello che dovrebbe amare
Sembra proprio una passione
Inquinare questa terra
Che straripa d’immondizia
Che mi lascia a bocca aperta
Ma non vi preoccupate
Pagheremo per ’sto schifo
Siamo un branco d’ignoranti
Questo s’era già capito
Ma la cosa che più graffia
è che non si può più tornare indietro
ci teniamo questi obbrobri
l’abbiam presa nel didietro
grazie ancora ,grazie a tutti
grazie per ‘sti casermoni
per non aver amore
per non essere buoni
e l’uomo che non merita l’incanto
Che se dei soldi non sente il tanfo
È disposto ad incendiare
Deturpare ed inquinare
Quello che dovrebbe amare
E se questa è rivoluzione
Io sono reazionario
Qui si distrugge la natura
Per voler d’un miliardario
Il male ha preso forza
Non lo si può più arrestare
Perché è entrato nel cervello
Ormai è un modo di pensare
E l’uomo che non merita l’incanto
Che se dei soldi non sente il tanfo
È disposto ad incendiare
Deturpare ed inquinare
Quello che dovrebbe amare