La spillatrice

La spillatrice asciutta ferma se ne sta
Come i tavoli neri nell’oscurità
Solo i lampioni sono milioni
Spenti come i pensieri delle amministrazioni
Sono un Io pensante e mi occupo di te
Sono un Io vagante nell’aria che non c’è
Perché è spoglia di te
Fra il Martini, il vino, l’acqua e qualche birra svuotata di sé
Analizzo i particolari dell’ambiente intorno a me
Penso e dico «Ma picchì non mi nni vaiu a dormiri?»
Penso e dico «Ma picchì non mi nni vaiu a dormiri?»
Ma il rossore ottico mi brucia le palpebre
Mi devo accendere qualche carovana di pensieri
Che a poco a poco mi rovina
L’intera banda dell’ottone che trilla innanzi a me
Trilla innanzi a me
Trilla innanzi a me
Trilla innanzi a me
Sì, a me piacciono i tre pistoni della tromba che c’è in me
Suona meglio di quella esterna senza re
Adesso non c’è posto, fermatevi più tardi
Adesso non c’è posto, fermatevi più tardi